Visitare l’Università di Harvard – Cosa vedere a Boston

Visitare Harvard

Visitare Harvard: la nostra esperienza

Arriviamo in una mattina silenziosa, neanche troppo presto, con il treno che dalla Penn Station di New York arriva fino a Boston in cinque ore (e sì, ci siamo svegliati un po’ presto per riuscire a fare il viaggio, ma ne è valsa la pena!).

Io sono emozionatissima. Sogno di visitare Harvard da quando ho visto per la prima volta la puntata dedicata in “Una mamma per amica“. Vi capita mai di avere delle altissime aspettative per qualcosa che poi, quando arrivate finalmente a vedere, vi delude?

Beh, per me non è stata questa l’occasione!

Dove si trova e come arrivare - Visitare Harvard

L’Università di Harvard si trova nella città di Cambridge, che fa parte dell’area metropolitana di Boston. 

Visitare Harvard e arrivare al suo campus è veramente semplice: noi abbiamo preso la linea rossa della metro, che arriva direttamente alla fermata “Harvard”. Appena usciti dalla metro ci siamo ritrovati nella bellissima piazza di Harvard, e al nostro fianco, con un po’ di stupore e di emozione, abbiamo varcato l’entrata nel campus. 

Campus di Harvard, Case di Harvard

Come vedete dalla foto sopra, il campus era tutto per noi, una cosa che inizialmente però ci ha fatto venire dei dubbi, ovvero:

Si può entrare nel campus gratuitamente?

Se qualcuno ha visto “Una Mamma per Amica” sa che questa è una domanda che si fa anche Rory prima ancora di entrare a visitare Harvard. 
La risposta è sì, si può entrare senza problemi, senza dover pagare niente e senza dover richiedere prenotazioni o altro. 

Ci sono solo alcuni accorgimenti da seguire, notificati direttamente dalla Harvard University e che potete trovare anche qui:

  • Non entrare in nessun 
    edificio accademico o residenziale
    senza personale addetto di Harvard.
  • Rispettare tutti gli individui e
    proprietà del campus.
  • Potrebbero essere necessarie mascherine per il viso all’interno di alcuni edifici di Harvard.
  • Vietato fumare (dentro e fuori dal campus).
  • Mantenere livelli sonori rispettosi sempre. 
  • Rispettare la privacy degli studenti.
  • Nessuna registrazione video (a questo proposito, pensiamo che intendano solo negli edifici, in quanto fuori dal campus tutti facevano foto e video liberamente). 
  • Mantenere il traffico pedonale scorrevole.
  • Non bloccare gli ingressi.
  • I visitatori dovrebbero utilizzare il bagno pubblico nello Smith Campus Center
    situato a 1350 Massachusetts Avenue.

Come noterete anche voi sono linee guida normalissime e penso sia il minimo richiesto dal momento che stiamo comunque parlando di una Università privata. Visitare Harvard è una fra le attività più sorprendenti che ho fatto nella mia vita, e sapere di poterlo fare in tutta tranquillità e nella quiete più totale è stato un plus che non mi aspettavo! 

Si può fare un tour con una guida?

Rory: “Non possiamo entrare così… Senza una guida…”
Lorelai: “Ti guido io!”
Rory: “Che sai di Harvard?”
Lorelai: “So questo: guarda! È Harvard!”

Spoiler: Lorelai con questo aneddoto non solo si è guadagnata la fiducia di Rory, ma è riuscita addirittura a farla entrare nei dormitori e a farla partecipare a una lezione! Noi, però, in questo caso siamo d’accordo con Rory: per una visita il più possibile immersiva e che vi farà capire come si vive ad Harvard, vi consigliamo di prendere due biglietti per un tour guidato con uno studente di Harvard!

Noi abbiamo comprato i biglietti su Get Your Guide il giorno prima di arrivare. 
Il tour parte sempre dalla piazza ai piedi del campus. Qui potrete trovare direttamente i ragazzi che organizzano il tour (il tour ufficiale è organizzato da “The Hahvahd Tour“) e potrete prenotarlo direttamente il giorno stesso! Noi siamo andati ad agosto (quindi alta stagione) e c’erano ancora tantissimi posti disponibili! Il tour è disponibile in inglese.  

Ad ogni modo, sia che lo scegliate oppure no, qui cercheremo di darvi tutte le tappe fondamentali del campus, per poter visitare Harvard con più informazioni possibili!

Statua di John Harvard

Arrivati alle porte di Harvard, un immenso campus si estende davanti a noi. È stato come se la colonna sonora del telefilm mi accompagnasse durante la visita di questa università e, entrando all’interno del campus, il tempo si è come fermato. C’erano veramente pochi turisti e questo ha in qualche modo reso ancora più vera l’esperienza. Una volta all’interno del campus, dopo un primo giro in serenità, ci siamo fermati a fare una foto alla famosa statua di John Harvard. Sulla targa della statua leggiamo “John Harvard, fondatore, 1638”.

Abbiamo poi scoperto, ascoltando la guida, che questa statua viene anche chiamata la statua delle 3 bugie:

  1. Harvard era un grande donatore, ma non il fondatore.
  2. L’università è stata fondata nel 1636, non nel 1638.
  3. Il modello per la statua era Sherman Hoar, non Harvard.

Indipendentemente da ciò, questa statua rappresenta un’icona all’interno dell’Università. Inoltre si dice che toccare il piede della statua porti fortuna (infatti noterete che il piede ha un colore diverso rispetto al resto della statua, in quanto ogni turista e anche ogni studente si ferma a toccare il piede porta fortuna e a fare una foto).

Statua di John Harvard

Memorial Hall

Inizialmente, guardandoci attorno ci è sembrato che tutti gli edifici si somigliassero davvero tanto. Vero, sì, ma ognuno di loro ha una funziona diversa.

La Memorial Hall è un esempio eccezionale di architettura gotica vittoriana, e presenta un’ampia sala da pranzo a due piani con un soffitto a volta e una torre dell’orologio di circa 64 metri di altezza. L’edificio è dedicato ai Caduti della Guerra Civile, infatti commemora i 1365 alunni di Harvard che servirono l’esercito. Di questi 1365 alunni, 136 persero la vita durante la guerra. 

La sala da pranzo al piano superiore della Memorial Hall è chiamata “Sala da Pranzo Memorial“. È una delle sale da pranzo più grandi del mondo, misurando circa 90 metri per 18 metri e può ospitare più di mille persone.

P.s. Questo edificio è spesso aperto al pubblico, quindi potrebbe capitarvi la fortuna di poterlo visitare anche all’interno! 

Widener Library

Lorelai: “La Biblioteca di Harvard contiene 13 milioni di volumi, è il più antico sistema bibliotecario degli Stati Uniti e la più grande biblioteca accademica del mondo.”
Rory: “…”
Lorelai: “Rory?”
Rory: “Ci sono 13 milioni di volumi qui.”
Lorelai: “Sì…?”
Rory: “Ci sono 13 milioni di volumi! Io ne avrò letti, che ne so, 300, e ho già sedici anni. Hai idea di quanto mi ci vorrebbe per leggerne 13 milioni?”
Lorelai: “Ma non devi leggerli tutti, dentro ci sono anche il Mein Kampf e Le ricette di Zia Carolina, roba non necessaria!”

Anche se Rory era convinta di doverli leggere tutti, la biblioteca di Harvard resta una delle icone portanti di questo campus! 

Voi potrete osservare la Widener Library, ma in realtà questa è solo una delle biblioteche del sistema di Harvard: la Widener Library però è quella più grande e quella che contiene più libri in assoluto (3,5 milioni di volumi). Purtroppo (o in realtà per fortuna per gli studenti) non è possibile entrare qui a meno che non abbiate un accompagnatore munito di tessera ID, ma potrete anche solo sedervi sui gradini della biblioteca per fare una foto e contemplare l’immensità dell’edificio e di ciò che contiene. 

Wigglesworth Hall

Tutte le matricole che entrano ad Harvard devono rimanere nelle Halls del campus di Harvard per il primo anno. Tra i famosi studenti che vissero all’interno di questi dormitori possiamo trovare Bill Gates! 

Con Halls si intendono le camere del dormitorio delle matricole (freshman), mentre con Houses tutti i dormitori delle classi superiori.

Le Houses non sono nel campus principali ma sono dislocate per le vie parallele all’università. 

Le 12 case di Harvard

Visitare tutte queste case consci di come vengono interpretate dagli studenti a nostro parere vi darà maggiore interesse nel visitare questa fantastica università! 

Le case sono distribuite più o meno vicino al campus principale di Harvard. Vale la pena fare un giro per vederle da fuori, perché alcune fra loro hanno dei cortili giganteschi e sono anche un ottimo modo per fare una passeggiata vicino al Charles River. 

E se vogliamo parlare di personaggi famosi che hanno vissuto in ognuna delle singole case, leggi il nostro articolo

Stiamo parlando di una fra le università più importanti, costose e migliori del mondo, considerate che potete fare un giro gratuitamente (o pagando 20$ una guida) per visitare il luogo dove sono stati anche Natalie Portman, Bill Gates, Matt Damon, John F. Kennedy… In più l’atmosfera che si respira nel campus di Harvard è qualcosa di indescrivibile. 

Plus: se siete fan di Una Mamma per Amica questa tappa è d’obbligo! 

Articoli consigliati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright 2023 - Viaggiando con Gusto | Cookie policy | Termini e condizioni | Scrivici |

Viaggiando con gusto